Il tuo curatore

    Jai Kaur Vanina

    Mi chiamo Jai Kaur che significa “Vittoria dell’Anima”, anzi “Principessa della Vittoria dell’Anima”.
    Ho ricevuto questo nome spirituale a 24 anni da Yogi Bhajan e oggi che di anni ne ho qualcuno più di 40, ricerco questa “Vittoria”, il suo significato e la sua manifestazione.
    Pratico il Kundalini Yoga con grande passione da oltre 20 anni, l’insegnamento mi è arrivato da Sangeet Kaur che a sua volta aveva imparato da Narayan Kaur; questo per presentarvi la mia “Catena d’oro”.
    Il Kundalini Yoga era l’insegnamento che stavo cercando, l’ho riconosciuto subito.
    Non mi ero mai prima d’ora rilassata tanto ed “abbandonata”.

    L’incontro più importante della mia vita di yogini è stato con Guru Dev Singh.

    Questo ha rappresentato l’incontro con il Maestro.

    A 28 anni per la prima volta partecipo all’appuntamento annuale della Scuola Internazionale di Sat Nam Rasayan, allora ad Assisi.

    Fu un “conflitto” decidere di andarci, per poi non mancare mai più negli anni successivi.

    Il Sat Nam Rasayan praticato e studiato con Guru Dev Singh è un’esperienza che consiglio a tutti, Yogi e Yogini, uomini e donne, persino i bambini amano partecipare ai suoi appuntamenti.

    Per seguire Guru Dev viaggio per il mondo, oltre che dentro di me.

    L’ho seguito a Rishikesh in India, a San Cristòbal de Las Casas in Chiapas-Messico e più vicino in Olanda e Francia per partecipare ai Japa: Re Man Meditation e Kundalini Surjee.

    Il 2009 è un anno magnifico, perché nasce mia figlia Bianca, Jiwan Mukta Kaur, Principessa Liberata in Vita.

    Di Jiwan, tra le molte cose che posso dire, mi piace molto che mi stia vicina quando faccio yoga e quando medito, a volte mi chiama e mi distrae, ma osservo che insieme a me, anche lei, quando pratico, si rilassa molto.